Fresco di Lana

Fresco di Lana unisce gli opposti: il calore della fibra e la freschezza della lavorazione. Ma il gioco continua e da parola si fa oggetto: la lana, morbida e tiepida, si irrigidisce e si raggela in ghiacciolo. L’ossimoro si fa sinestesia: l’elemento visivo – il colore della lana e del ghiacciolo – rinvia a quello tattile – caldo/freddo, morbido/duro – che a sua volta rinvia a quello gustativo – gelato da leccare – il quale, infine, è negato dai fatti: lecca lecca lecca, quel ghiacciolo non si scioglierà mai.


Fresco di Lana combines the opposites: the heat of the fiber and the freshness of the workmanship. But the game continues and the word becomes object: the wool, soft and warm, stiffens and freezes in a popsicle. The oxymoron becomes synesthesia: the visual element – the color of the wool and the popsicle – refers to the tactile element – warm/cold, soft hard – that in turn refers to the tasteless element – an ice cream to lick – which is at last denied by facts: you lick, lick and lick, and the popsicle will never dissolve.